feed
blog
facebook
caserta.nu
| Home |
| Contatti | 
Utenti on line: 19
INCONTRO BIBLICO-SPIRITUALE CON DON SABATINO SCIORIO
CANCELLO ED ARNONE





(Di Matilde Maisto) -  Grande affluenza di fedeli. nella Parrocchia Maria Regina di Tutti i Santi, dove  il Parroco Don Sabatino Sciorio ha tenuto un incontro Biblico-Spirituale.

Carissimi – egli ha detto – diamo inizio oggi ai nostri incontri sulla parola di Dio, per approfondire maggiormente la nostra fede, lo faremo in compagnia di una grande mistica, Veronica Giuliani, un’anima votata all’amore. Era il  12 Giugno del 1697, due mesi dopo la sua stigmatizzazione, avvenuta il 5 aprile del suddetto anno, quando, in un rapimento, la cappuccina, dopo la santa comunione, udì Gesù che le diceva: Veronica, la mia gloria è che si conosca la tua vita per la rinnovazione della santa fede.

Ci domandiamo: perché tali scritti, pur destinati a grande utilità dei fedeli, rimasero nascosti per ben 190 anni sotto la custodia delle R.M. Cappuccine di Città di Castello? La risposta ci viene da Sant’Annibale Maria di Francia: Per un arcano disegno della divina provvidenza. Il Signore disponeva così perché questi scritti venissero alla luce in un tempo più opportuno per servire al rinnovamento della fede come Egli stesso aveva detto una volta alla Santa. Anche l’ultimo cardinale nella nostra arcidiocesi di Capua, Alfonso Capecelatro (1824 – 1912), ebbe a scrivere: fate conoscere questa Santa il suo Diario può fare indistintamente grande bene alle anime. Il Sommo Pontefice, il 15 dicembre 2010, in vista della celebrazione del 350° anniversario della nascita della Santa, giungerà ad affermare: L’esperienza di Veronica ancorata alla Sacra Scrittura con una intensità non comune, guida ad una lettura più profonda e “spirituale” dello stesso Testo, entra nella profondità nascosta del Testo. Ella non solo si esprime con le parole della Sacra Scrittura, ma realmente anche vive di queste parole, diventano vita in lei. Questa grazia vogliamo chiedere al Signore per intercessione della Vergine Santa e di santa Veronica: possa la parola di Cristo, come accadde alla santa, diventare vita e nutrimento per ciascuno di noi. Veronica aveva fatto sua quella parola che Gesù un giorno aveva detto a santa Matilde di Hacherbon: Considera quanto sia immenso il mio amore: se vorrai conoscerlo bene, in nessun luogo lo troverai espresso più chiaramente che nel Vangelo. E’ a questa scuola evangelica che noi vogliamo porci con grande umiltà.

APPROFONDIMENTO DELLA PAROLA

PERCHE’ SONO STATI SCRITTI I VANGELI? I Vangeli sono stati scritti per suscitare la fede in Gesù di Nazaret. L’evangelista Giovanni afferma esplicitamente che tutti gli episodi che ha narrato “sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate vita nel suo nome” (Gv 20,31).

COME NASCE LA FEDE? Il primo passo che l’uomo compie nel cammino della vita cristiana è l’atto di fede. Come nasce la fede? Dall’ascolto della parola di Dio. Scrive Lc negli Atti degli apostoli: Dopo lunga discussione, Pietro si alzò e disse: “Fratelli, voi sapete che già da molto tempo Dio ha fatto una scelta fra voi, perché i pagani ascoltassero per bocca mia la parola del vangelo e venissero alla fede” (At 15,7). Dall’ascolto della parola di Dio, quindi, nasce la fede ossia l’adesione personale di tutto l’uomo a Dio che si rivela. Dalla fede si passa alla richiesta dei sacramenti e quindi al battesimo, che ci rende figli di Dio, ci unisce più intimamente a Cristo, ci inserisce nella comunità cristiana, la Chiesa, Corpo mistico di Cristo, ci purifica dal peccato originale e da tutti i peccati personali. Mediante il battesimo si nasce a vita nuova perché, accogliendo Gesù nella nostra vita, riceviamo lo Spirito che ci introduce nella vita di Dio.

COME NASCE LA COMUNITA’ CRISTIANA? La comunità cristiana nasce da questo incontro personale della mia libertà con questa Persona singolare, Gesù Cristo, che manifesta una statura umana, una umanità così singolare perché veicola anche il Suo essere Dio. Questo è il fattore genetico identificante della comunità. L’adesione a Gesù come Messia, Figlio del Dio vivente è il fondamento della nuova comunità umana: Simon Pietro rispose: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente”. Rispose Gesù: Beato sei tu (Mt 16:16-17). Chiunque dà questa adesione a Gesù, rappresenta una pietra che va a contribuire alla edificazione della nuova società.

CHI E’ IL LETTORE? I vangeli non sono stati scritti per essere letti, ma ascoltati in quanto la maggior parte dei primi credenti era analfabeta. Gli evangelisti, valenti letterati delle comunità cristiane, trasmettevano i loro scritti ad altre comunità dove il Lettore, persona di cultura appositamente incaricato, non si limitava a leggere il testo, ma lo interpretava e lo spiegava alla gente.

L’incontro è entrato nel vivo quando Don Sabatino ha affrontato il tema: LA TRASFIGURAZIONE DI GESU’ (Mt 17,1-9). Un momento di intensa spiritualità che mi ha colpita nel più profondo dell’anima. Mi sono sentita parte del mistero di Dio ed ho avuto il desiderio di comprendere sempre meglio la Parola del Vangelo per comprendere meglio Dio.

I più vivi complimenti a Don Sabatino che è riuscito molto brillantemente a condurre l’incontro Biblico-Spirituale e ci ha dato appuntamento a Venerdì 25 Novembre prossimo per il secondo incontro”.


 

2011-11-13
Fonte: COMUNICATO STAMPA

 
COPYRIGHT© 1998 - 2018 CASERTA.NU